Riscaldamento solare per piscine Consigli e Prezzi



Spesso l’utilizzo della piscina è influenzato fortemente dalla temperatura dell’acqua, che ne preclude il piacevole uso a seconda della sensibilità di ciascuno. Il riscaldamento solare per piscine non solo permette di sfruttare a pieno e con soddisfazione l’impianto, ma anche di avere a disposizione la tecnologia più efficiente a costi di gestione annuale bassissimi.
Gli impiantisti sono preparati a studiare impianti ad hoc ma conoscere le caratteristiche ci aiuta a muoverci meglio tra i fornitori.

La maggior parte dei sistemi di riscaldamento solare per piscina, ma anche per riscaldare la casa, sono composti da:

  • Un collettore solare – il dispositivo, attraverso il quale viene fatta circolare l’acqua della piscina, che verrà riscaldato dal sole. Si tratta di quelle “scatole in vetro nero” oppure tubi che vengono direttamente esposti al sole.
  • Un filtro – utile a rimuovere i residui prima che l’acqua venga pompata attraverso il collettore;
  • Una pompa – che spinge acqua attraverso il filtro e il collettore fino alla piscina;
  • Una valvola di controllo di flusso – dispositivo automatico o manuale che devia l’acqua della piscina tramite il collettore solare.

pannelli solari piscina

L’acqua della piscina viene pompata attraverso il filtro e poi attraverso il collettore solare, dove si riscalda prima di essere restituita. Durante i mesi estivi, se la temperatura è molto alta, il collettore può anche essere usato per raffreddare la piscina facendo circolare l’acqua attraverso il collettore durante la notte.

Alcuni sistemi includono sensori e una valvola automatica o manuale per deviare l’acqua attraverso il collettore. Quando la temperatura del collettore è simile alla temperatura della piscina, l’acqua filtrata viene semplicemente bypassata.

I collettori solari nascono con diverse tecnologie e la scelta dipende dal clima e dall’utilizzo, vedi in manera approfondita l’articolo dedicato alle differenze dei pannelli solari per produrre acqua calda.

I collettori non vetrati sono pannelli ad uso esclusivamente estivo, poichè il loro funzionamento ha bisogno di una buona insolazione e temperature esterne superiori ai 20 °C; la temperatura dell’acqua in uscita non supera normalmente i 40 °C. La loro installazione è semplice ed economica, e necessitano di poca o nessuna manutenzione. Inoltre, essendo privi di componenti metallici, sono al riparo da rischi di corrosione.

I collettori vetrati piani sono i “classici” pannelli solari per la produzione di acqua calda, di gran lunga i più diffusi sul mercato; hanno buoni rendimenti e un costo superiore ai non vetrati. Sono generalmente realizzati in tubo di rame su una piastra di alluminio con un rivestimento di ferro vetrato temperato, per un più efficiente scambio di calore e trasferimento fluidi tanto da poter essere utilizzati tutto l’anno anche per il riscaldamento domestico.

Entrambi i sistemi di collettori dovrebbero includere la protezione antigelo se saranno utilizzati in condizioni invernali.

Ci sono poi i collettori che utilizzano pannelli solari heatpipe sottovuoto, con alte performance e ovviamente costi maggiori. Riescono a scaldare l’acqua anche in inverno con poco sole.

Il primo punto per valutare un impianto a riscaldamento solare per piscine è esaminare la risorsa solare; l’efficienza e la progettazione di un riscaldatore solare dipende da quanta energia del sole raggiunge l’impianto. Anche se il clima non è caldo e soleggiato per la maggior parte del tempo può avere ancora una risorsa solare adeguata se si hanno a disposizione aree non ombreggiate che si affacciano a sud. Il fornitore del sistema solare o installatore è in grado di eseguire una analisi del sito.

Gli appaltatori del sistema solare utilizzano fogli di lavoro e programmi informatici per aiutare a determinare i requisiti di sistema. Approssimativamente la superficie del collettore solare deve essere uguale al 50% -100% della superficie della vostra piscina. Nelle zone più fredde e nuvolose potrebbe essere necessario aumentare il rapporto.

Indipendentemente dal clima di solito si può diminuire la superficie del collettore se si ricorre ad una copertura per piscina. Se si sta sostituendo un sistema di riscaldamento convenzionale con un sistema solare, potrebbe essere necessario una pompa più grande di quella attuale o una aggiuntiva più piccola per spostare l’acqua della piscina verso e attraverso i collettori.

Idealmente, il collettore è orientato verso sud, con una tolleranza di 15 gradi verso est o ovest anche se studi recenti hanno dimostrato che a seconda della posizione e inclinazione è possibile arrivare a 45º senza diminuire in modo significativo le prestazioni.

L’angolo al quale un collettore dovrebbe essere inclinato varia in base alla latitudine e al tempo d’uso dell’impianto. Idealmente, i collettori per l’estate devono essere inclinati di un angolo pari alla latitudine meno 10°-15º. Collettori di riscaldamento per tutto l’anno dovrebbero essere inclinati con un angolo uguale alla propria latitudine.

I prezzi

il costo per un impianto di riscaldamento solare per piscina dipende dalla grandezza della stessa, dalla portata d’acqua e del sistema di collettore solare utilizzato. Si parte da circa 3000 euro per pannelli piani per una piscina di 10 metri per 5, 4500 euro per un sistema heatpipe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *